Riforma della scuola: epocale!

Di  epocale in questa riforma c’è una sola cosa: i tagli al personale, alle ore, ai laboratori.

Pare che ormai in Italia sia possibile cambiare il significato delle parole per cui ad aumento delle ore per i ragazzi corrisponde una diminuzione delle ore di lezione, ad un potenziamento della didattica dei laboratori corrispondono effettivamente meno ore di laboratorio per tutti. 😦

Segnalo l’attenta analisi della riforma su “le loro parole e le nostre” di Marina Boscaino e Marco Guastavigna (via Spicchi di Limone) e le analisi più orientate alla riforma dei tecnici che potete seguire su piuscuola.net (c’è anche una analisi comparativa dei nuovi piani di studio confrontati con gli attuali per ITI di elettronica e telecomunicazioni).

Che altro dire che non si sia già tentato di far sapere oltre l’ostentata campagna pubblicitaria del governo?
Forse che anche i sindacati ora (non è un po’ tardi) iniziano ad essere seriamente preoccupati degli ulteriori tagli al personale e, paradossalmente, dei diritti degli studenti dei tecnici (delle seconde, terze e quarte) che si troveranno ad avere tagliate 4 ore dai piani di studio pre-riforma pur non essendone direttamente toccati (cioè continuando con i percorsi e le discipline preesistenti)… e le 4 ore (indovinate?) saranno tutte di materie professionalizzanti!

Se ne è accorta anche la CislScuola (che non ha mai fatto troppa opposizione alla riforma) che,  invece di essere preoccupata dei tagli al personale, mette in evidenza l’inaccettabilità dei tagli tremontiani alle classi successive negli istituti tecnici e la lesione del diritto di fruire dei corsi per cui ci si è iscritti:

Al dato positivo di un avvio limitato alle sole classi prime e che vede coinvolte contestualmente tutte le filiere del sistema, si contrappone l’inaccettabile scardinamento dei quadri orario nelle classi successive, che costringerà a non poche forzature per ridisegnare i percorsi in atto, senza alcun rispetto per le scelte a suo tempo effettuate dagli studenti e dalle famiglie.

e cosa fa il Segretario generale di detto sindacato?

Si appella ai ministri moderati!!!

Un solo consiglio a chi si interessa di scuola, per motivi contingenti (ci manda i figli): non fermatevi alle pubblicità progresso del governo, informatevi usando anche  altri canali…

ed un invito : non lasciateci soli a combattere questa battaglia contro la liquidazione della scuola pubblica.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in personale, scuola, segnalazioni, Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...