Passaporto biometrico o schedatura di massa?

Apprendo oggi  che il parlamento europeo ha appena ratificato l’introduzione del passaporto biometrico, con la creazione di un database centralizzato delle impronte.

Suggerisco l’attenta lettura del post di Marco Calamari su punto-informatico di cui riporto la parte più significativamente critica:

“Se si vuole creare un database nazionale di impronte digitali esteso a tutta la popolazione, lo si dica chiaramente e lo si discuta in sede istituzionale come tale, con particolare riferimento al principio di necessità del trattamento dati previsto dal testo Unico sulla Privacy, e su come garantire i cittadini dal suo abuso.
Lo si chiami pero’ col suo nome: schedatura preventiva di massa.”

Perché  devono continuare a prenderci in giro con la scusa della sicurezza?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in segnalazioni, Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...