Da un’altra prospettiva…

C’è sempre un’altra prospettiva
La discussione sul maestro unico, finora, è stata impostata dal governo a partire dalle ragioni di spesa, dal bilancio, dal bisogno di tagli. La indifferente ed oggettiva prospettiva economica viene assunta ad assioma e poi, per catene di deduzioni, si arriva alla inderogabile esigenza di tagliare gli insegnanti nella scuola elementare (e non solo!). Pena il fallimento del Paese (questo sì è terrorismo e cattiva informazione!). Secondo una logica, più che altro una politica, che fa acqua da tutte le parti.
E se si partisse, invece, da una diversa prospettiva, prima di arrivare al tema dei tagli? Trattandosi di scuola, non di un'”agenzia” qualsiasi, trattandosi di alunne/i persone, non di “utenti”, trattandosi di insegnanti, non di impiegati ad un qualsiasi sportello, trattandosi delle famiglie, non di clienti qualsiasi di un supermercato, bisognerebbe partire da qui.

Grazie alla segnalazione di Maria Grazia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scuola, segnalazioni, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...