Maestro unico, supplente…

..anno: 1902!

Relazione finale scritta da un maestro-supplente a Pieve Saliceto, piccola frazione di Gualtieri, provincia di Reggio Emilia.

Frequenza: La frequenza fu lodevole. Ebbi su trentacinque iscritti una media di trentatré frequentanti giornalieri. Anche questo è un segno dei tempi. La scuola s’innalza nel concetto delle masse e diviene necessità sociale. Anche la parziale refezione scolastica contribuì alla frequenza.

Stato intellettuale e fisico degli alunni. Non posso dir nulla sullo stato fisico ed intellettuale degli alunni all’ingresso della scuola per la ragione semplicissima che non c’ero. Al termine dell’anno scolastico i gobbi lo erano ancora ed idem dicasi dei deficienti. Per i primi la cura consigliabile è quella dell’Istituto ortopedico Rizzoli, per gli altri occorre un altro organamento della vita scolastica che dia agio all’educatore di porre in atto, almeno in parte, la trangugiata teoria pedagogica.

Disciplina. La disciplina l’ho sempre ottenuta con mezzi semplicissimi: destando l’allettativa, l’interessamento; vigilando. Non è disciplina, quella che si ottiene con mezzi coattivi. Comprime l’individualità infantile e genera tristi sentimenti. Il maestro deve prevenire e rimuovere le cause del male per non dover poi dolorosamente reprimere.

Diligenza. Finché scuola e famiglia non saranno unite nell’opera educativa la vera diligenza resterà pio ed utopico desiderio. Come pretendere un foglietto pulito da un bambino che fa il compito in una stalla per dura necessità di cose? La pratica qui ebbe la salutare virtù di farmi buttare alle ortiche molta e forse ingombrante zavorra idealistica.

Risultati conseguiti. Per un complesso di cause indipendenti dalla mia volontà i risultati non furono troppo soddisfacenti quantunque non abbia trascurato nulla per migliorare le sorti psichiche di bambini massacrati da lunghi anni di sgoverno scolastico. *** Noto che mal s’appone al vero chi crede con coscienza di giudicare la valentia di un maestro dal numero dei presentati e promossi all’esame. Perché? Perché l’esame fatto come si fa oggi, acquista i poco pedagogici caratteri di un giudizio di Dio, e non sono rari i maestri , che unitamente ai bimbi si affidano alla medesima dea: la fortuna.

Programma e suo svolgimento; giornale di classe. Il programma lo svolsi come potei, il giornale di classe non l’ho fatto.

Un pericoloso sovversivo?!?
Qui il commento.

😦

Diciamoci la verità: non esiste altra motivazione che quella meramente economica per questo decreto sul ritorno al maestro unico.
E la ulteriore presa in giro è che, dopo il licenziamento di centinaia di migliaia di docenti, nella scuola saranno reinvestiti la minima parte dei risparmi ottenuti.

Ho sempre affermato che per migliorare la scuola occorre investire, ma soldi veri non risparmi, se si reputa veramente strategica la crescita culturale nel paese.

Per questo dico “No al ritorno del maestro unico” e  firmo la petizione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in scuola, segnalazioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Maestro unico, supplente…

  1. carla ha detto:

    ops :-/

    invece, l’indirizzo l’hai lasciato! 🙂

    Buon anno, Marco!

    carla

  2. Pingback: links for 2008-09-18 | Gentes B&B

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...